Flò Fiori interpreta:

LA TRAVIATA

Foyer Respighi dall’11 al 15 Luglio 2017

La partnership artistica fra Flò Fiori ed il Teatro Comunale di Bologna, iniziata già dalla scorsa stagione 2016, prosegue e si consolida in questo nuovo anno.

Il Teatro si apre verso nuove forme di espressione artistica che si pongono in dialogo con le Opere in programma.

Al debutto di ogni Opera il Foyer Respighi ospita dunque installazione di Flò: una interpretazione personale della rappresentazione teatrale in programma realizzata attraverso il linguaggio ed i simboli della Natura.

Ultima Opera Teatrale della stagione estiva (si riprenderà con Aida in Novembre), La Traviata è un'opera in tre atti di Giuseppe Verdi tratta dalla pièce teatrale di Alexandre Dumas (figlio) “La signora delle camelie”.

Siamo a Parigi alla metà del 1800. Violetta è una giovane cortigiana dedita al lusso ed ai piaceri. E’ dunque una figura che rappresenta il “diverso”, il “non ammissibile” in una società perbenista e borghese che condanna a priori e che non vuole guardare oltre gli stereotipi condivisi e uniformanti.

Abbiamo quindi pensato di raccontare con la nostra scenografia la solitudine, il dolore e l’emarginazione di Violetta.

Attraverso gli elementi della natura abbiamo reso omaggio all’estate rappresentato il suo esilio nella campagna parigina: come una sposa di campagna nel luogo che le permette di vivere appieno il suo vero sentimento d’amore la vediamo avvolta da un voluttuoso intreccio di muschio ed opulente Ortensie dal nome latino Hydrangea macrophylla.

Il loro nome è simbolo di forza ed insieme eleganza, di amore fuori dai luoghi comuni di Violetta con Alfredo, ma che contemporaneamente costringe la bella sposa di campagna nella sua emarginazione dalla vita reale.

L’11 Luglio in occasione della Prima alle ore 20.00, Annalisa Lo Porto di Flò Fiori sarà presente per raccontare il pensiero che ha guidato l’interpretazione di “La Traviata” ed ha reso possibile l’installazione floreale all’interno del foyer Respighi.